Muoversi bene, muoversi tutti

VISIONE

 Chieri ha le caratteristiche per diventare un modello di città vivibile, intermodale e sostenibile. E’ una città relativamente poco estesa, il cui centro storico e i principali luoghi di frequentazione sono facilmente raggiungibili a piedi e in bicicletta.

Le varie linee di bus, coi dovuti miglioramenti, potranno offrire collegamenti comodi, economici ed efficienti tra le zone periferiche ed il centro città. Il collegamento ferroviario e le linee di bus intercomunali, opportunamente potenziate, formeranno una rete integrata di collegamenti con Torino e con le cittadine limitrofe. Una buona rete di percorsi ciclabili e pedonali, infine, completerà il quadro di una città moderna e vivibile.

Muoversi in città sarà facile e sicuro per tutti, prioritariamente per le persone con disabilità, per chi cammina con difficoltà, per gli anziani e per i bambini, per chi va a piedi o in bicicletta, permettendo ai nostri ragazzi di andare a scuola in autonomia e in sicurezza. Il potenziamento ed il miglioramento del trasporto pubblico permetteranno ad un elevato numero di persone di fruire di tali servizi. Verrà inoltre promossa la condivisione dei mezzi privati di trasporto.

Queste linee di azione non potranno che rendere più fluida la circolazione dei veicoli e libereranno, per chi ne ha bisogno, parcheggi in tutta la città: i parcheggi non devono avere la funzione di “far cassa” per il Comune, ma devono essere fruibili e possibilmente ad alta rotazione. L’utilizzo dei parcheggi esistenti andrà riorganizzato in maniera innovativa concertando, insieme ai vari utenti della strada, l’attuazione di politiche personalizzate e diversificate, in modo da poter utilizzare gli stessi al meglio durante le 24 ore.

Attraverso tutte queste politiche si ridurranno significativamente i disagi ed i problemi per la salute causati ogni giorno da: eccesso di traffico, inquinamento, rumore, stress e incidenti.

Una città vivibile determina anche ricadute positive per il rilancio delle attività commerciali, che opererebbero in un contesto più gradevole ed attraente per i clienti; camminare e pedalare offrono benefici importanti per la salute (rif. OMS) e immediato risparmio economico, permettono, inoltre, di recuperare un grado migliore di socialità tra i cittadini, più cordiale e meno frettolosa.

Al fine di coinvolgere attivamente tutti i cittadini sull’importanza di adottare un diverso modello di mobilità, fondato sulla sostenibilità, è fondamentale promuovere un nuovo modello di cultura e di consapevolezza. Le scelte individuali di trasporto hanno conseguenze che vanno ben al di là della sfera individuale incidendo sulla vita di altri cittadini, sul clima, sulle future generazioni, sulle persone di altri Paesi e persino sul futuro del pianeta.

Grazie a tutto ciò Chieri risulterà più accogliente anche per i visitatori, che saranno in grado di arrivare in centro anche senz’auto e di muoversi agevolmente per le strade di una bella città, attrattiva e a misura d’uomo.

AZIONI

CONOSCENZA E CULTURA

L’Amministrazione promuoverà campagne di sensibilizzazione, attraverso tutti gli strumenti divulgativi ritenuti idonei, per la diffusione della cultura della mobilità sostenibile e per sottolineare l’urgenza, l’importanza ed i benefici che motivano a cambiare modo di muoversi.

VIVIBILITÀ e SICUREZZA

Riteniamo indispensabile – per tutelare la salute e l’incolumità dei cittadini – attuare puntuali e continui controlli sulla velocità e sulle soste irregolari dei veicoli che creano disagio e pericolo.

Realizzeremo interventi atti a moderare la velocità e rendere sicuro il transito nei punti critici della Città.

MUOVERSI A PIEDI, IN CARROZZINA E IN BICICLETTA

Progetteremo e realizzeremo, attraverso interventi urbanistici a basso costo, una rete di collegamenti comodi e sicuri per chi si muove a piedi, in carrozzina e in bicicletta.

Interverremo sui percorsi ciclo-pedonali esistenti in modo che vengano collegati in una rete coerente che permetta di attraversare la città e raggiungere i luoghi più frequentati. Due saranno le direttrici fondamentali: quella Nord-Sud, dalla zona Rocchette alle Maddalene/Falcettini, e quella Est-Ovest, dalla Tabasso agli istituti Monti e Vittone.

MUOVERSI CON MEZZI PUBBLICI E CONDIVISI

Agiremo ascoltando innanzitutto gli utenti per operare le scelte più utili ed adeguate possibili, in particolare i gruppi organizzati di pendolari, come quelli della linea SFM1.

Interverremo sul servizio pubblico locale (linee bus 1 e 2), sulla linea ferroviaria SFM1 e le linee ad essa connesse, sulla linea bus 30 e sulle linee intercomunali per renderle più efficienti (frequenza, orari e puntualità), a prezzi sostenibili e con mezzi moderni a basso impatto ambientale. Potenzieremo il collegamento veloce tra Chieri e Torino, passando per il traforo di Pino.

Ci attiveremo per rilanciare la buona pratica della condivisione dei mezzi di trasporto privato, come il carsharing ed il carpooling.

Offriremo incentivi a chi si muoverà in bicicletta o con i mezzi pubblici (bonus per acquisto bici, rimborso di parte dell’abbonamento, mese del bike/treno)

PARCHEGGI

Come prima azione avvieremo un tavolo di studio, coinvolgendo tecnici e tutte le persone e le categorie interessate, in modo da avere un quadro chiaro e aggiornato delle esigenze. Poi, attraverso un processo partecipato e condiviso, individueremo le migliori soluzioni attuabili nell’interesse dei singoli e della comunità.

Ad oggi pensiamo di agire sui parcheggi esistenti in modo da riservare parti congrue per chi ha problemi motori, per lavoratori e commercianti che non hanno alternative, per i residenti (posto auto usato di notte, di giorno da altri fruitori) e per il carico-scarico merci; aumenteremo le zone a disco orario per chi fa la spesa o si reca presso servizi; si attiverà un servizio di bike sharing presso i parcheggi principali, si strutturerà il servizio urbano di bus 1 e 2 in modo da fungere da navetta soprattutto in occasione di fiere o eventi; si lavorerà per offrire un servizio di segnalazione di parcheggi liberi.

MOBILITÀ SCOLASTICA

Progetteremo e faremo partire subito un piano di interventi da realizzare con urgenza: in primis collegare tra loro i vari segmenti ciclabili esistenti con punti di convergenza sulle scuole (intervento che sarà a beneficio anche di chi si muove a piedi e in carrozzina); estenderemo l’attuale buona pratica, già avviata, di chiudere al traffico le zone prossime agli ingressi delle scuole nelle ore di ingresso e uscita.

FRAZIONI E BORGATE

Dopo un approfondito confronto con i residenti, attueremo azioni per migliorare l’offerta di servizi di trasporto collettivo per facilitare tutti nel compiere scelte di mobilità sostenibile per gli spostamenti da e verso le frazioni e le borgate (valutazione del ripristino della fermata ferroviaria Madonna della Scala, estensione/potenziamento linea 2, eventuale creazione nuova linea bus urbana).

TURISMO “IN CAMMINO” e “A PEDALI”

Dato il grande valore aggiunto che questo tipo di turismo può portare in termini di valorizzazione del territorio, creazione di opportunità di lavoro diffuse e promozione delle eccellenze eno-gastronomiche locali, lavoreremo con determinazione affinché Chieri diventi una meta ambita nei circuiti del “turismo che cammina” e nel cicloturismo: fenomeni in crescita costante in Italia negli ultimi anni e già presenti all’estero da tempo, con significativi ritorni economici per il territorio.

Valorizzeremo e cureremo strade bianche, sentieri e strade minori, continuando il lavoro già avviato nel passato. Porteremo a compimento progetti con visione ampia (es. PISTAAA!), aumentando i servizi e articolando il collegamento con altri percorsi possibili. Agiremo altresì sul piano della comunicazione per far conoscere le opportunità che il nostro splendido territorio collinare, non deturpato da autostrade o tangenziali, può offrire.