Scuola vivibile

VISIONE

La scuola deve essere un punto di incontro sicuro, aperto, partecipato, di benessere umano e di contenuti di valore, anche al di fuori degli orari scolastici.

La scuola può essere il motore per trasformare Chieri in una “Città amica dei bambini”, secondo le linee guida dell’ONU (cfr. a seguire).

AZIONI

Definire piani concreti di riqualificazione, manutenzione e ammodernamento delle strutture là dove è necessario, dentro e fuori (giardini e cortili), per una piena godibilità e la massima sicurezza.

Creare percorsi e attività collaterali per una cittadinanza attiva e informata (inquinamento, alimentazione, rispetto e ruolo del verde pubblico), promuovendo momenti di condivisione tra le scuole elementari, medie e superiori.

Promuovere attività e laboratori di incontro ed esperienza contro razzismo e bullismo (alfabetizzazione emotiva).

Ascoltare le opinioni del minore per realizzare progetti che diano un’impronta “giovane” alla città, per esempio dando maggiore spazio e nuova forza al Consiglio Comunale dei Ragazzi.

Creare reti stabili tra i vari soggetti/enti che si occupano di infanzia e prima adolescenza per coordinare le varie proposte in essere e le progettualità future sul territorio chierese.

Incentivare all’utilizzo dello scuolabus e rafforzamento di servizi pedibus per spostamenti più ecologici e sicuri.

Creare momenti di aggregazione (mostre, concerti, laboratori di creatività) negli spazi delle scuole, promuovendo anche l’utilizzo per feste private, favorendo così il senso di appartenenza ai luoghi e ottenendo risorse per riordino e la ristrutturazione.

Favorire il riuso e riciclo dei materiali scolastici.

Partendo dagli istituti scolastici (e arrivando poi a tutte le strutture comunali), attuare politiche a favore del risparmio energetico, che fa rima con risparmio economico e garantisce migliori condizioni di vivibilità per i bambini, oltreché un ovvio beneficio ambientale.